L’esilio si prepara per la battaglia finale

La decisione del Tribunale Generale dell’Unione europea di ripristinare provvisoriamente l’immunità parlamentare europea al presidente Carles Puigdemont, a Toni Comín e a Clara Ponsatí significa un cambio di passo nella lotta avviata dall’esilio e che, tre anni e mezzo dopo, vede avvicinarsi l’orizzonte progettato

Agli spagnoli

Dopo la decisione dei partiti politici spagnoli di reprimere la società catalana nell’ottobre del 2017, arriva ora quello che sembra un enfatico tatticismo del governo del PSOE [il Partito Socialista Spagnolo, ndt]: l’indulto per i nove leader [processati nel 2018] attualmente in prigione. Vale a dire, i sei membri del governo – Oriol Junqueras, Jordi Turull, Josep Rull, Raül Romeva, Quim Forn e Dolors Bassa -, la presidente del Parlamento, Carme Forcadell, e i leader delle organizzazioni indipendentiste [Omnium Cultural e ANC –Assemblea Nacional Catalana, ndt], Jordi Cuixart e Jordi Sànchez .

L’Anc mette in guardia dalla trappola degli indulti

Nel momento in cui la notizia degli indulti che il governo spagnolo concederà ai prigionieri politici domina l’agenda politica e mediatica, l’Assemblea nazionale catalana vuole spostare di nuovo il movimento indipendentista sulla linea della unilateralità e della iniziativa nell’intraprendere azioni così come votato a suo tempo dal 96% dei soci.

Catalogna, gli indipendentisti governeranno insieme.

Esquerra Republicana e Junts x Catalunya hanno raggiunto l’accordo per governare insieme con l’appoggio esterno degli anticapitalisti di Candidatura d’Unitat Popular. Prima però, i militanti di JxC voteranno se accettare o no il patto. In caso negativo, il partito faciliterà l’investitura di Pere Aragonés senza far parte del governo, scongiurando così il rischio di nuove elezioni

Accordo per un governo indipendentista in Catalogna

“Siamo arrivati a un accordo per fare una Generalitat repubblicana e un governo a fianco della gente»: esordisce così Pere Aragonès, futuro presidente della Generalitat e leader di Esquerra Republicana, presentando assieme a Jordi Sánchez, segretario di Junts per Catalunya e in carcere dall’autunno del 2017

Pane per oggi, fame per domani

Ho sempre detto che uno degli errori storici più importanti commessi negli ultimi tempi in Spagna è stata la giudiziarizzazione della politica, in particolare per quanto riguarda il conflitto politico che esisteva ed esiste tra lo Stato spagnolo e un settore maggioritario della Catalogna.

Torna su