Da dove veniamo (IV)

Da dove veniamo (IV) 

https://bernatdeltell.cat/don-venim-iv/

 

 

Albert Rivera (leader del partito unionista Ciudadanos) si strofina le mani: “è la fine della fuga: ha perso Sanchez e ha vinto la Spagna”. Gioco finito! Ma….

 

Mercoledì 3 ottobre 2018. Primo anniversario delle grandi manifestazioni che paralizzarono la Catalogna il 3 ottobre 2017. La portavoce del governo spagnolo, Isabel Celáa (membro del PSE-EE), risponde al presidente Quim Torra: “Le decisioni eccessive prese in passato non possono in alcun modo condizionare le uscite di futuro che tutti noi desideriamo e che sono anche quelle che l’Europa esige”. Celáa legge da un foglio (non è un messaggio improvvisato), è la portavoce del governo e lo dice dalla Moncloa (palazzo del governo).

Ad ottobre, tuttavia, il governo socialista spagnolo va in arrocco. La tesi di Pedro Sánchez sostenuta agli inizi di settembre assicurando che la crisi territoriale si sarebbe risolta con il voto, scompare. Lo stato sta facendo pressione sul governo di Sanchez. Nessun voto, nessun dialogo, nessuna negoziazione. Niente. E un ulteriore problema: Pedro Sánchez non controlla il suo gruppo di deputati. Ricordiamo che quando viene promossa la mozione di censura contro Mariano Rajoy (maggio 2018), ci sono deputati del suo stesso partito che non vogliono che Pedro Sánchez diventi presidente. I sostenitori della sua rivale di partito Susana Díaz e la vecchia guardia sono diffidenti nei confronti di un “incontrollato” come Sánchez che in due occasioni (luglio e settembre 2018) ha già detto che sarà necessario votare per risolvere il conflitto catalano. Per cui, nell’ottobre 2018, e dopo i disordini causati dall’anniversario del 3 ottobre, il governo ha già una scusa: non ci sarà alcun incontro tra i presidenti; non ci sarà alcun incontro bilaterale tra i governi; non tremeremo se saremo costretti ad applicare nuovamente l’articolo 155 e non ci sarà alcun comunicato congiunto.

Di seguito una parte della cronologia degli eventi:

Lunedì 10 dicembre. Molte cose accadono quel giorno. In mattinata, El Periódico (giornale di Barcellona) annuncia che il Ministero dell’Interno invierà 400 agenti antisommossa in Catalogna per fronteggiare le proteste annunciate il 21 dicembre in occasione della celebrazione del Consiglio dei Ministri a Barcellona. A mezzogiorno, la vicepresidente del governo, Carmen Calvo, minaccia: “Adotteremo misure, nel quadro delle competenze e dello stato di diritto, in modo che ciò che è accaduto ieri (aprendo barriere ai pedaggi) abbia conseguenze e non si ripeta mai più. Le strade non possono essere bloccate”. Pochi minuti dopo, la portavoce del Comitato elettorale socialista, Esther Peña, avverte che al PSOE “non tremerà la mano” se ci saranno delle condizioni per riapplicare il 155 in Catalogna.

Alle otto di sera, il governo spagnolo invia tre lettere alla Generalitat chiedendo spiegazioni per il fatto che la polizia catalana (i Mossos d’Esquadra) non sono intervenuti contro le proteste dei CDR (comitati di difesa della repubblica) durante il fine settimana. E avverte che, se necessario, invierà la polizia per garantire l’ordine pubblico. Infine, di notte, inizia a circolare che l’applicazione dell’articolo 155 è inevitabile.

Ma qualcosa succede, quella notte, perché…

Sì, il giorno dopo, il ministro dei Lavori pubblici, José Luis Ábalos, durante una colazione a Madrid, apre le porte per sospendere il Consiglio dei ministri a Barcellona. Viene corretto quasi immediatamente dal governo spagnolo. Alle 16:45, la vicepresidente Carmen Calvo afferma dal Senato che l’applicazione del 155 in Catalogna non è sul tavolo. Non dice “vedremo”, no, dice che “non è sul tavolo”. Frenata a secco.

Giovedì 13 dicembre. L’allora ministro Meritxell Batet assicura che l’applicazione dell’articolo 155 in Catalogna non fa parte dei piani immediati del governo spagnolo perché “non risolve il problema di fondo; possiamo applicare 300 volte il 155 e dove ci porterebbe? Allo stesso punto, alla politica e al dialogo ”. Ma lo stesso giovedì 13 dicembre, Pedro Sánchez si reca a Bruxelles, dove c’è una riunione dei capi di stato. Ha approfittato del vertice per parlare a lungo con il primo ministro sloveno a seguito delle erratiche informazioni pubblicate su La Vanguardia e che hanno creato una nuova crisi diplomatica. In una conferenza stampa dopo l’incontro del Consiglio d’Europa, Sanchez dichiara: “Calma, tempo, dialogo, senso dello stato da parte di tutte le forze politiche, in particolare quelle che stiamo negozian… governando nelle diverse istituzioni”.

Giovedì 20 dicembre. C’è una riunione dei presidenti Pedro Sánchez e Quim Torra (dalle 19.15 alle 20.40); i due governi si incontrano in modo bilaterale, non c’è mai l’intenzione di applicare il 155 e,

infine, viene pubblicato un comunicato stampa congiunto in cui si sollecita a trovare una soluzione dialogata senza menzionare in alcun momento la Costituzione spagnola: “dialogo efficace nel trasmettere una proposta politica che abbia l’ampio sostegno della società catalana ”e cercare di andare verso “una risposta democratica” alle richieste dei cittadini “nel quadro della sicurezza legale”. E punto.

Il giornalista Andreu Barnils racconta un aneddoto su Meritxell Batet (PSOE):

Batet: “Il referendum di autodeterminazione non è emerso durante l’incontro. La posizione del governo è che questo diritto non esiste. E pensiamo anche, in ogni caso, che l’approccio binario non risolva il problema di fondo ”

-Giornalista: “Il Ministro Artadi ha affermato che il referendum sull’autodeterminazione è emerso nell’incontro tra i presidenti …”

-Batet: “Mm, eh …vabbè, stavo parlando del contenuto dell’incontro dove io ho partecipato. Non quello tra i presidenti….”

 

Lo Stato spara per uccidere

Lo stato è in subbuglio. Il quotidiano El Mundo parla già di “La resa di Pedralbes” (palazzo di Pedralbes -Barcelona- luogo dell’incontro).

Giovedì 17 gennaio 2019, il parlamento della regione Estremadura vota a favore di una proposta del PP per l’applicazione dell’articolo 155 “fermamente, con l’ampiezza e la durata necessarie per frenare la sfida indipendentista”. L’iniziativa va avanti grazie ai voti del PSOE, PP (che è quello che presenta la proposta) e Ciudadanos. Ebbene, poche ore dopo, si presume dopo una telefonata, il presidente dell’Estremadura, il socialista Guillermo Fernández Vara, scrive su Twitter:

La posizione del PSOE in Estremadura è molto chiara. Applicare il 155 se si verificano le circostanze, che al momento non si verificano. Perché se fosse fatto senza motivo, i tribunali europei potrebbero respingerlo e sarebbe molto grave

— Guillermo Fdez Vara (@GFVara) January 17, 2019

Questo è il quadro che esiste in Spagna tra settembre 2018 e gennaio 2019. La portavoce del governo ci dice che l’Europa richiede al governo spagnolo cose che deve rispettare; Sanchez riconosce alle istituzioni europee che sono in corso trattative e, inoltre, c’è una riunione bilaterale, una riunione tra i governi e una dichiarazione ufficiale che non menziona nemmeno la Costituzione. In questo contesto, la caverna dei media accusa Pedro Sánchez di essere un traditore della patria. E il peggio di tutto per il leader socialista è che i suoi baroni (i leader storici più anziani) si ribellano. Sì, i baroni temono, a causa delle presunte cessioni all’indipendentismo, di perdere le elezioni regionali e municipali di maggio. E se si verifica questo scenario, che il PSOE perda tutto il suo potere territoriale, Pedro Sánchez è un uomo morto (politicamente parlando, ovviamente). Se Sanchez cade, la leader Susana Diaz, che ha perso la presidenza della Junta de Andalucía (parlamento regionale andaluso), potrebbe ancora reindirizzare la sua agonia. In effetti, pochi giorni dopo la sconfitta in Andalusia, Díaz afferma che tutto è colpa della Catalogna: “Ho sbagliato, la Catalogna è la colpevole del mio fallimento”. È un missile diretto per Pedro Sánchez: mi hai fatto perdere le elezioni a causa dei tuoi incontri con gli indipendentisti catalani.

Ma c’è un altro fattore che ho già sottolineato in precedenza: che Pedro Sánchez non controlla il suo gruppo parlamentare al Congresso. Pochissimi degli 84 deputati socialisti sono fedeli a Sanchez; inoltre, alcuni sono riluttanti a votare come lui indica nella mozione di censura. Preferiscono Mariano Rajoy a Pedro Sánchez. Sono gli stessi deputati che hanno pugnalato Sanchez alle spalle in uno dei capitoli più surreali della recente storia del PSOE.

Infine, Pedro Sánchez non può contare nemmeno con la complicità dei partiti a favore dell’indipendenza. I bilanci dello stato non saranno approvati perché ERC e JxCat, con l’inizio del processo giudiziario contro i prigionieri politici, hanno i piedi e le mani legati. L’approvazione dei bilanci equivale al suicidio politico per loro. Né gli elettori pro-indipendenza avrebbero capito, né i sindaci che si presentano alle elezioni comunali a maggio. ERC e JxCat, sebbene con una certa riluttanza, obbediscono agli ordini: non bisogna salvare la vita del soldato Pedro Sánchez. Con questa porta chiusa, il presidente spagnolo non può più allungare la legislatura. Non ha legge di bilancio, si sta preparando una rivolta all’interno del PSOE, non ha alcun controllo sul suo gruppo parlamentare e le prospettive delle elezioni regionali e comunali sembrano pessime. E Sánchez non può offrire nulla agli indipendentisti perché la caverna dei media si lanciata contro di lui. Albert Rivera (leader del partito unionista Ciudadanos) si strofina le mani: “è la fine della fuga: ha perso Sanchez e ha vinto la Spagna”. Game over!

Ma…

C’è un giorno che capovolge tutto e quel giorno è domenica 10 febbraio. La destra, cioè il Partido Popular e Ciudadanos, protesta in Plaza Colón a Madrid, vicino all’estrema destra di VOX. Grave errore.

Errore monumentale. Errore storico. Le foto vengono caricate dal diavolo, motivo per cui Manuel Valls schiva le telecamere. Ma in Europa prendono nota. Il governo di Emmanuel Macron avverte: con un partito come VOX non è possibile raggiungere un accordo. L’unica valida strategia contro l’estrema destra è quella di combatterla e sconfiggerla alle urne, come fa Macron con la leader del Fronte Nazionale Marine Le Pen alle elezioni presidenziali del 2017, secondo il ministro francese degli Affari esteri Europei, Nathalie Loiseau. E non importa se fossero 45.000, 90.000 o 179.853 persone riunite in Plaza Colón. Qualsiasi manifestazione dell’11 settembre in Catalogna negli ultimi anni ha avuto un’affluenza di un milione di persone (qualche anno di più, qualche anno di meno) su una popolazione di 7 milioni e mezzo. E quindi….

Si apre una finestra di opportunità insolita per Pedro Sanchez. Piuttosto, si apre una balconata intera. I suoi principali rivali si stanno presentando accanto all’estrema destra e, soprattutto, la chiamata alla protesta di Plaza Colon non ha avuto il successo previsto. Bingo! Sánchez convoca elezioni per il 28 aprile, appena un mese prima delle elezioni comunali e regionali, e quindi lascia fuori gioco i baroni socialisti (“Se vinco”, dice Sánchez, “la sconfitta dei miei baroni non sarà colpa mia, ma loro”). Lascia Susana Díaz fuori gioco (“se ottengo risultati migliori in Andalusia il problema è lei, non io” Pedro Sánchez pensa correttamente). Lascia lo stato fuori gioco (non c’è tempo per terminare il processo ai prigionieri catalani e così le sentenze non condizionano la politica spagnola). Lascia Pablo Casado -nuovo leader del PP- fuori gioco (non ha ancora le macchine pronte e non ha scelto buona parte dei suoi candidati territoriali). Lascia Aznar fuori gioco (se i tre partiti unionisti “trifachito” non raggiungono la maggioranza, sarà un’altra sconfitta dell’uomo della fondazione FAES: fondazione ultra-nazionalista spagnola). Lascia fuori gioco la vecchia guardia socialista (Alfonso Guerra è diventato un vero mal di testa per il nuovo PSOE). E, infine, lascia Albert Rivera -leader di Ciudadanos- fuori gioco, visto che è in politica da più di 20 anni e grazie alla sua brama di potere (aveva creduto di poter governare la Spagna), ha demolito il suo partito in Catalogna.

Pedro Sánchez vince le elezioni del 28 aprile. Ora ha il pieno controllo del partito, del gruppo parlamentare, dei baroni che sopravvivono alle elezioni comunali e regionali, e ha eliminato la scarsa opposizione interna rimanente. Il caso di Susana Díaz (“Sento che la gente mi ama”, ha detto nel suo ultimo meeting delle primarie socialiste) sarà degno di studio in un futuro non troppo lontano.

Anche l’indipendentismo vince. Ha ottenuto un risultato storico alle elezioni: la forza principale in Catalogna con 22 deputati e oltre un milione e mezzo di voti. Per la prima volta, l’indipendentismo vince le elezioni politiche spagnole. Gli uffici europei hanno già un quadro molto chiaro: Pedro Sánchez in Spagna e indipendentisti in Catalogna. Questa è la foto E si devono mettere d’accordo: “Per i mercati, i segni di una risoluzione politica (piuttosto che legale) del conflitto sarebbero certamente benvenuti”, secondo il rapporto DWS, il gestore patrimoniale di Deutsche Bank, reso pubblico il 26 aprile, solo due giorni prima delle elezioni.

E poi ci sono le elezioni europee e comunali, ma ciò fa parte di un altro capitolo.

 

La relazione malata tra il governo spagnolo e lo stato spagnolo e tra le diverse fazioni del PSOE mi ricorda questo grande dialogo tra Peter Lorre e Humphrey Bogart in Casablanca:

 

 

-(Lorre): Mi disprezzi, vero Rick?

-(Bogart): Se potessi pensare a te, probabilmente si.

 

 

Guardate il seguito!

Bernat Deltell. Pubblicato lunedì 20 luglio 2020

https://bernatdeltell.cat/don-venim-iv/

 

* traduzione  Àngels Fita-AncItalia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su