Spagna: la pandemia dei militari

 

Nel conflitto tra Catalogna e Spagna la radice del fallimento della Spagna nella gestione della crisi sanitaria. Chi ha gestito la crisi di Covid-19 non sono stati i governi regionali ma un Ministero della Salute inesperto, con pochi funzionari ignari della realtà sanitaria territoriale

di Enric Casulleras  27 Aprile 2020

 

Il coronavirus Covid-19 è stata la prima pandemia globale di questo secolo. L’Europa non ricorda un disastro sanitario così grave dall’influenza spagnola del 1918. Curiosamente, il Paese in Europa che ha subito il più alto tasso di infezioni, e dove il numero di vittime è stato più alto, è la Spagna.

La seguente riflessione non cerca di trovare colpevoli, ma spiegazioni per questa sventura; spiegazioni difficili da indovinare per coloro che non conoscono le peculiarità storiche di questo Paese. Tuttavia, ogni osservatore internazionale sarà sorpreso da due cose: il brevissimo confinamento totale dei cittadini spagnoli rispetto ai cittadini di altri Paesi europei, e la presenza quotidiana di ufficiali militari di alto rango nelle conferenze stampa governative che danno resoconti delle misure adottate.
Per capire questa situazione devi conoscere alcuni retroscena.

La Spagna è un Paese, in una certa misura, decentralizzato. Dopo la morte di Franco, la Costituzione spagnola del 1978 proclamò uno Stato di autonomia che conteneva elementi di un Paese federale. Pertanto, ad esempio, i poteri relativi alla sanità sono stati trasferiti alle regioni o nelle comunità autonome. Il Ministero della Salute spagnolo è rimasto senza poteri e quasi senza funzionari. La Catalogna e il Paese Basco hanno guidato il processo di federalizzazione, assumendo tutti i poteri previsti dalla Costituzione, comprese le aree respinte da altre regioni, come la Polizia o le istituzioni penitenziarie, che sono una gestione problematica e che restituisce scarse prestazioni elettorali. In effetti, la Catalogna e i Paesi Baschi hanno avuto ampi strati di popolazione per secoli che aspiravano al riconoscimento delle loro Nazioni come Stati liberi d’Europa, un fenomeno che è sempre stato vissuto con grande preoccupazione in Spagna.

Quando Covid-19 si è materializzato come una grave minaccia per la salute pubblica, il Governo catalano ha chiesto immediatamente il confinamento totale della popolazione; ma questa decisione ha dovuto essere autorizzata dal Governo spagnolo, che l’ha respinta. I cittadini di Madrid, dove si è avuto un grande contagio, non sono neppure stati confinati. Nel fine settimana del 14 e 15 marzo, centinaia di migliaia di persone provenienti da Madrid hanno viaggiato sulla costa del Mediterraneo, nonostante le raccomandazioni delle autorità sanitarie che hanno avvertito del pericolo.

Il confinamento totale è stato finalmente emanato due settimane dopo che il Governo catalano lo aveva richiesto: troppo tardi, l’epidemia di virus era già diffusa.
Ciò che il Governo spagnolo ha decretato fin dall’inizio è stato lostato di allarme’: una misura prevista dalla Costituzione che consente allo Stato di limitare le libertà civili e avocare al Governocentrale i poteri delle Comunità autonome.

Pertanto, chi ha gestito la crisi di Covid–19 non sono stati i governi regionali e i loro consulenti sanitari, che hanno eccellenti sistemi ospedalieri, ma un Ministero della Salute inesperto, con pochi funzionari ignari della realtà sanitaria territoriale.
Come risultato di questa inesperienza, il Governo spagnolo ha fallito clamorosamente quando si è trattato di acquistare, gestire e distribuire mascherine, dispositivi di protezione e test per rilevare casi di coronavirus.
Tuttavia, il Governo parlava ogni giorno della guerra contro il virus in termini comicamente bellici: i generali in uniforme si rivolgevano alla popolazione dicendo

conferenza stampa sulla crisi del coronavirus con la presenza dei militari

che tutti i cittadini erano soldati e facevano appello alla disciplina militare. I partiti di destra richiedevano la presenza dell’Esercito in Catalogna e nei Paesi Baschi. Mentre i malati morivano a centinaia negli ospedali che lavoravano al limite delle loro forze, un generale si vantava di aver arrestato un uomo che aveva rubato trenta chili di arance e un altro ufficiale ha detto che la Polizia stava lavorando sui social network per disinnescare le critiche al Governo.

In questo contesto, è importante parlare del Ministro della Salute, il signor Salvador Illa. Questo è un politico catalano, del partito socialista, a favore dell’unità della Spagna, che il Presidente Pedro Sánchez aveva nominato Ministro (con un portafoglio vuoto di poteri) per le negoziazioni tra il Governo spagnolo e il partito indipendentistaEsquerra Republicana de Catalunya. I voti dei partiti indipendentisti catalani sono necessari per approvare i bilanci spagnoli e continuare la legislatura. La negoziazione è difficile, perché per il partito repubblicano e il Governo della Catalogna ci sono due domande fondamentali: un referendum di autodeterminazione, per decidere il futuro politico della Nazione catalana, e una legge di amnistia per i prigionieri politici catalani. Non si può dimenticare che cinque consiglieri governativi catalani, un consigliere, il Presidente del Parlamento catalano, il Presidente di Omnium Cultural (un movimento che persino Franco aveva tollerato), e l’ex Presidente dell’Assemblea nazionale catalana stanno scontando condanne per più di nove anni di carcere per aver organizzato un referendum di autodeterminazione il 1 ° ottobre 2017.

Bene. Il Ministro che era stato nominato per navigare nelle acque difficili dello stretto margine esistente tra il centralismo autoritario e la stessa volontà di autodeterminazione in Catalogna. questo Ministro, senza conoscenza di medicina, epidemiologia o gestione di ospedali, sanità pubblica, ha dovuto affrontare, da un giorno all’altro, la pandemia di Covid–19: il peggior incubo che la Spagna abbia vissuto dalla guerra civile.
Il Governo spagnolo ha deciso di confinare i cittadini in ritardo e male, e solo per nove giorni. Ha fatto scendere i militari in strada in un atto incomprensibile di autoritarismo. Ha decretato le stesse misure di standardizzazione per tutti, dalla capitale, con milioni di abitanti, a una piccola isola delle Isole Canarie, dove non è stato rilevato alcun caso positivo di Covid-19. In altre parole, ha dato la priorità alla sua ideologia giacobina e ha respinto le misure decentralizzate, in modo che nessuno dubitasse che la sua priorità fosse l’unità della Spagna.

Una unità, quella della Spagna, che il Generale Franco aveva assicurato attraverso il Tribunale dell’Ordine Pubblico, che perseguitava e imprigionava comunisti e separatisti. Durante la transizione verso la democrazia, questa corte ha cambiato nome (ora Corte Nazionale), ma continua a perseguire lo stesso scopo e usa gli stessi mezzi, le fogne dello Stato: false prove e calunnie contro i politici catalani, anche nel mezzo della campagna elettorale, e il controllo della Corte suprema dal Consiglio dei Ministri, come riconosciuto da un Ministro del precedente Governo spagnolo.

I politici e i media spagnoli non hanno mai cercato di convincere la società catalana dei vantaggi di far parte dello Stato spagnolo. Al contrario, hanno sminuito la lingua catalana, hanno trattato ingiustamente i catalani e hanno eroso, quando possibile, il Governo della Catalogna. Come reazione, il Governo catalano, nel 2005, ha promosso un nuovo Statuto di autonomia, negoziato con tutte le parti, approvato nei tribunali spagnoli e approvato dal popolo catalano nel 2006. Ma il Partito popolare spagnolo ha contestato questo statuto e la Corte costituzionale lo ha invalidato per la maggior parte nel 2010. Quindi, il movimento di indipendenza catalano è emerso con forza. Nel 2017 il Presidente Carles Puigdemont ha organizzato il referendum di autodeterminazione. Non è banale ricordare che il legittimo Presidente della Catalogna e parte del suo Governo sono in esilio; Puigdemont è un membro del Parlamento europeo, è stato assolto da qualsiasi crimine dalla giustizia europea, ma non può tornare in Spagna perché sarebbe arrestato e imprigionato, come i membri del suo Governo che non sono andati in esilio.

Certamente, la grande preoccupazione di tutti, spagnoli, catalani, italiani ed europei è il coronavirus. Quando la vita può essere normalizzata, la priorità sarà quella di recuperare l’economia. La Spagna avrà un momento difficile perché ha già un debito pubblico eccessivo, ed è per questo che chiede un fondo europeo per la ricostruzione, compresi i titoli di debito perpetui, di cui abbiamo parlato la scorsa settimana. Ma questo episodio di crisi sanitaria ed economica ha rivelato che il conflitto tra Catalogna e Spagna, lungi dall’essere risolto, è peggiorato. Non è un nuovo conflitto. Madrid è stata la capitale della Spagna per 400 anni, ma la prima capitale della Catalogna è stata Aquisgrana, 1.200 anni fa e la seconda, Barcellona, per 1.000 anni. Se la Catalogna fa parte di uno Stato spagnolo, giacobino e borbonico, è perché le truppe borboniche di Filippo V sconfissero quelle di Carlo d’Asburgo nel 1714; e perché ogni volta che il popolo catalano ha cercato di esercitare la sovranità, è stato bombardato, represso o sottoposto a una dittatura militare. Il Partito socialista operaio spagnolo, quando era clandestino sotto la dittatura di Franco, chiedeva la libera autodeterminazione dei popoli della penisola iberica. Ora, al Governo, rifiuta il diritto all’autodeterminazione e ha dissidenti in prigione.

Il coronavirus è un problema sanitario ed economico globale che ora richiede la piena attenzione dei politici e degli economisti europei; ma la risoluzione democratica dei conflitti territoriali e il rispetto dei diritti umani fanno parte dei valori fondanti dell’Unione europea e non devono mai essere dimenticati. I prigionieri politici catalani rinchiusi nelle carceri spagnole sono una vergogna per l’Europa del 21 ° secolo.

 

https://www.lindro.it/spagna-la-pandemia-dei-militari/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su