La Catalogna in rivolta chiede aiuto alla Valle d’Aosta

 

Aosta

La Catalogna in rivolta chiede aiuto alla Valle d’Aosta

Daniele Mammoliti  LaStampa  Pubblicato il 23 Ottobre 2019

AOSTA.  La Catalogna in rivolta chiede aiuto alla Valle d’Aosta. Durante il Consiglio regionale di oggi la presidente dell’assemblea, Emily Rini, ha fatto sapere che il 16 ottobre «il presidente del Parlamento catalano Roger Torrent i Ramió ha scritto una lettera, che ho trasmesso al presidente della Regione e ai capigruppo, nella quale illustra la situazione in Catalogna. Il presidente Torrent – ha aggiunto Rini – ha chiesto di porre attenzione agli eventi e di sostenere o dare impulso a iniziative volte a risolvere per strade politiche, democratiche e pacifiche il conflitto politico che vive il suo paese e assicurare così che nell’Unione europea siano rispettati i diritti e le libertà fondamentali».

Roger Torrent, presidente del Parlamento catalano.

Nella lettera inviata da Torrent a Rini si racconta, tra le altre cose, la situazione dell’ex presidente Carme Forcadell, condannata a 11 anni e mezzo di prigione «per aver difeso – scrive Torrent – che nel Parlamento di Catalogna si possa discutere di qualsiasi argomento, per aver garantito il diritto di rappresentanza e politica e la libertà di espressione dei deputati».

La presidente ha ricordato che durante il Consiglio Valle della settimana scorsa «a seguito della presentazione di quattro risoluzioni sulle questioni catalana e curda che non erano state iscritte in quanto si trattava di una sessione straordinaria, questa presidenza aveva assunto l’impegno di farne oggetto di sue comunicazioni al Consiglio al fine di prendere una posizione da parte dell’assemblea». Rini ha fatto sapere che «i gruppi consiliari stanno lavorando a due risoluzioni che saranno iscritte in questa adunanza e che spero possano trovare la piena condivisione dell’assemblea».

https://www.lastampa.it/aosta/2019/10/23/news/la-catalogna-in-rivolta-chiede-aiuto-alla-valle-d-aosta-1.37779700

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su