Politicamente scorretto

 

Alfonso Duran Pich     12/09/2019

 

Consentitemi di condividere per alcuni istanti le riflessioni di un indipendentista indipendente, che non deve assistere a un cenacolo né consultare alcun manuale per dire cosa pensa sul contenzioso Catalogna-Spagna. Questo è stato sempre il vantaggio dei liberi pensatori.

In primo luogo e quando soffiano venti sfavorevoli, vale la pena ricordare le parole di Winston Churchill, che dopo il primo anno della II guerra mondiale e avendo occupato la Germania mezza Europa, disse ai suoi concittadini: “Il successo è l’abilità di passare da un fallimento all’altro senza perdere l’entusiasmo”. Non perdete il vostro entusiasmo: è l’alimentatore di tutte le nostre rivendicazioni.

Se analizziamo il problema dalla logica formale, troviamo un fatto paradossale: la Catalogna, una nazione senza stato, sta affrontando la Spagna, uno stato senza nazione. La Nazione è un fatto naturale; lo Stato è una costruzione umana. La Nazione vive; lo Stato amministra.

Che la Catalogna sia una nazione non ha bisogno di ulteriori argomenti. Una comunità che condivide nel corso della storia una cultura, una lingua, un modo di interpretare la realtà (una Weltanschauung), tradizioni, leggende, miti, ecc., è una nazione. Una nazione che fu lasciata senza

uno stato quando le fu strappato nel 1714. La Spagna, da parte sua, come diceva lo storico britannico Henry Kamen, si preoccupò così tanto del suo impero che si dimenticò di costruire una nazione. Quindi precipitosamente raffazzonò alcuni componenti della nazione castigliana incipiente e ha sempre cercato di imporli dall’apparato statale su tutto il territorio, in una severa operazione di eliminazione delle nazioni storiche (“bisogna castiglianizzare i bambini catalani”, ha detto recentemente il loquace ex ministro Sig. Wert). E lo fece anche in modo rozzo e volgare, maltrattando la propria lingua e massimizzando i suoi valori più oscuri, come l’ortodossia religiosa, la violenza e l’aggressività, e simboleggiando questo marchio con spettacoli così deprecabili come “la corrida” o grotteschi come i canti di esaltazione de “la Roja” (la bandiera spagnola).

E arrivati fin qui, è chiaro che la Catalogna e i catalani (coloro che vogliono volontariamente esserlo) devono trovare una via d’uscita per porre fine a questa situazione di blocco. Lo Stato non lo consente; pertanto, siamo i suoi prigionieri.

Diamo un’occhiata ad alcune ipotesi di uscita:

1) Negoziare con lo Stato. Ma per negoziare le parti devono essere disponibili. In questo caso sarebbe una relazione bilaterale. Sappiamo già che lo Stato rifiuta, ignora le nostre richieste. Insistere su questo percorso è una perdita di tempo. L’unica opzione che abbiamo è l’unilateralismo, così come fu il referendum del 1° ottobre. Fu un atto di pressione che in seguito non riuscimmo a materializzare. Ma fu una nostra decisione, era nelle nostre mani. Prendiamo l’iniziativa e indeboliamo il nostro avversario. Solo un confronto democratico e pacifico con lo Stato può segnare il nostro futuro.

E non è che la Spagna senza la Catalogna non possa essere praticabile in termini economici, ma forse non giocherebbe in Serie A (o forse nemmeno in B) e questo, la “nobiltà” castigliana inconsciamente non può permetterselo. Dietro gli slogan “dell’unità della Spagna” e “vogliono rompere la Spagna”, c’è un fatto molto prosaico: vogliono i nostri soldi. Il grande limitatore è lo stato spagnolo. È quel conglomerato di partiti dinastici (PP e PSOE) più le loro marche bianche (Ciudadanos, Vox e un ambiguo Podemos) collegati, alcuni più di altri, al franchismo sociologico della burocrazia spagnola. È quel falso progressivismo di un PSOE (e della sua delegazione commerciale in Catalogna PSC-PSOE) che consente, e talvolta applaude, l’impunità dell’apparato repressivo. Il nostro vecchio Josep Pla aveva già detto: “Quello che più assomiglia a uno spagnolo di destra è uno spagnolo di sinistra”.

2) Chiedere ancora una volta l’intervento dell’Unione Europea. Questo è rendersi ridicoli. L’Unione europea è rappresentata dagli alti funzionari di ciascuno Stato membro, che si coprono tra di loro le innumerevoli vergogne, per mantenere lo status quo. Dobbiamo solo guardare i suoi rappresentanti principali, in quel subdolo equilibrio di distribuzione delle poltrone. È un cimitero di elefanti, e mi scuso per riferirmi a quel nobile animale. Lì si parcheggiano i politici in disuso, in condizioni economiche imbattibili. Le decisioni dei suoi organi direttivi sono, nella maggior parte dei casi, non vincolanti. L’Unione europea “non sa e non risponde”, non solo di fronte al confronto catalano, ma anche di fronte alle ondate migratorie degli ultimi anni. Dove sono i quasi quattro milioni di rifugiati siriani, iracheni e libici che intendevano entrare in Europa? Perché non si parla di questo argomento? È vero che nella Turchia asiatica ci sono campi profughi abbandonati al loro destino? Perché la Commissione europea non respinge le sentenze di un paio di settimane fa contro tre donne iraniane che si sono rifiutate di indossare il burqa? O forse una pena di 33 anni per quel crimine sembra ragionevole a quella vergogna di burocrati? L’Unione europea è stata un fallimento politico, economico e sociale. Per noi, la sua unica virtù è che ha agito (involontariamente) da barriera psicologica per l’apparato dello Stato spagnolo, che non è stato ancor più crudele con i dissidenti. Dimentichiamoci dell’UE.

3) Cercare la complicità del potere reale, non del potere derivato. Il vero potere, quello che muove il mondo, è lontano da qui. Nel mondo liberale-conservatore è a New York, a Washington e a Londra; nel mondo delle dittature “morbide” è a Pechino e a Mosca. Il vero potere del primo blocco non sono i politici (il presidente Trump è un’eccezione con data di scadenza), ma i grandi gestori di denaro (gli “oligarchi camuffati”), che si nascondono nel “sistema bancario ombra”, questo insieme di fondi pensione, capitale di rischio, coperture, fondi sovrani, fondi comuni di investimento e altre variazioni, che costituiscono il nocciolo duro del capitalismo finanziario.

Ad esempio, nello Stato spagnolo si parla molto del potere dell’Ibex/35, in quanto vero manipolatore delle volontà pubbliche. Ma ciò che non si dice è che il mercato azionario spagnolo è piccolo e molto concentrato, il che significa che dieci titoli controllano l’ottanta percento del valore di capitalizzazione. Né si dice che in questi dieci titoli, il primo o il secondo azionista siano fondi di investimento statunitensi, che operano a breve termine per ottenere buone plusvalenze. Tra i più rilevanti metteremo in evidenza BlackRock (con la centrale in Park Avenue non a Madrid), che gestisce un portafoglio di quasi sette miliardi di dollari, oltre cinque volte il PIL dello Stato spagnolo. La borsa spagnola è una borsa in costante situazione ad alto rischio.

E questi investitori internazionali conoscono molto bene la debolezza di uno Stato il cui debito pubblico riconosciuto è pari al suo PIL, il che significa che dovremmo spendere un intero anno senza pagare (né salari né pensioni) e senza distribuire dividendi, sussidi o aiuti finanziari di qualsiasi natura per riscattare tale debito. Sanno anche che questo Stato (vale a dire i contribuenti) deve pagare ogni anno (e sempre di più) il servizio del debito (gli interessi) e che questo servizio ammonta a 32.500 milioni di euro, ovvero 89 milioni al giorno. È uno Stato che mantiene la sua pomposità ma si trova al limite del fallimento finanziario, per non parlare del fallimento morale, poiché sappiamo che agli investitori questo tipo di fallimento non gliene importa.

Infine, gli analisti inseriscono i segnali di allarme in un deficit pubblico strutturale consolidato (si spende più di quanto si incassa) eppure le esternalità fungono da angelo protettivo. Se il barile di greggio sale e/o il prezzo del denaro cambia orientamento, lo stato spagnolo va in frantumi e sospende i pagamenti. E poiché i grandi creditori sono stranieri (a partire dalla BCE) il problema può essere esteso e interessare altri territori e, soprattutto, danneggiare l’euro e la sua politica monetaria. Ecco perché la ricerca di questa complicità da parte dei nostri politici professionisti è obbligatoria. Non è difficile documentare tutto ciò, svilupparlo e parlare con chi ha potere decisionale. A nessuno sano di mente (spagnoli a parte) conviene che lo scontro Catalogna-Spagna diventi eterno. Certo, devi farlo in modo informale, senza fare rumore, in modo professionale. Bisogna dimostrare ai creditori internazionali che è in gioco il loro denaro. Quando diventeranno consapevoli della situazione, si sposteranno per difendere i loro interessi.

Anche a lungo termine, la nostra controversia potrebbe essere attraente agli “apparatchik” delle dittature “morbide”. Non dobbiamo dimenticare che il centro della potenza mondiale si sposta verso est e questo offre molte opportunità. Impariamo dagli anglosassoni: non ci sono amici o nemici, ma interessi. Ma devi metterti in contatto con loro.

E cosa può offrire una Catalogna indipendente in cambio di questo supporto? Molte cose:

  • Siamo il nord del sud. Più centro-europei che iberici
  • Un’ottima posizione geostrategica.
  • Una cultura dello sforzo.
  • Una disciplina nel lavoro.
  • Un concetto meritocratico.
  • Un apparato statale leggero e moderno.
  • Una struttura del PIL in cui l’industria pesa ancora.
  • Una demografia imprenditoriale attraente.
  • Una visione calvinista del lavoro.
  • Una cultura in cui l’iniziativa privata è dominante.
  • Un concetto chiaro della parola data.
  • Uno spirito innovativo.

E soprattutto una Polis organizzata ed emozionata per il proprio futuro. Probabilmente la risorsa più importante.

E nel frattempo, cosa possono fare le persone normali per accompagnare queste azioni? Possono fare molto più di quanto si possa pensare. Vediamo:

– Rendere effettivo il “consumo strategico” proposto dall’ANC. Il consumo strategico consiste nell’acquistare e consumare preferibilmente quei prodotti e servizi conformi alla nostra ideologia. Kosher per gli ebrei, non animali per i vegani, il prodotto km. 0 per molti, sono opzioni di consumo strategiche. Confondere questo con il boicottaggio è ignorare le strategie di marketing più semplici. Siete in grado di valutare l’impatto economico di un cambiamento nel comportamento di oltre due milioni di persone? Che alcuni datori di lavoro spagnoli abbiano mostrato il loro disaccordo e lo abbiano denunciato significa solo che siamo sulla buona strada. Come disse una volta Leonard Cohen: “So da che parte sto quando vedo chi c’è dall’altra parte”.

– Attuare la strategia di “entrismo”, vecchia conoscenza della teoria politica. Si tratta di entrare nelle istituzioni per cambiarle dall’interno. Questo è ciò che il collettivo “Eines de País” (strumenti di paese) ha fatto nella Camera di commercio di Barcellona. E ci sono molte istituzioni in Catalogna che si aprirebbero a questa esperienza. E non intendiamo organizzazioni o istituzioni politiche.

– Mantenere viva la lotta dei simboli: stelle, cravatte gialle, bandiere, tutto ciò che il merchandising moderno mette a nostra disposizione e immaginazione. Dobbiamo ritualizzare il movimento, senza cadere nell’errore di rendere questi gesti il principale strumento di cambiamento.

C’è molto lavoro da fare e una moltitudine di strade. Ma prima facciamo autocritica e poi arriviamo al punto:

  • Seppelliamo il “sogni poetici”. Basta andare “con i fiori in mano”.
  • Ricordiamo ai partiti e alle loro strutture di comando che sono lì perché li abbiamo votato. Che le loro strutture organiche sono necessarie ma non sufficienti. Che manterremo lo spirito critico e la libertà di voto.
  • Facciamo le cose nel modo professionale che conosciamo. La buona volontà non è sufficiente.
  • Esprimiamo il nostro disgusto per il narcisismo e il messianismo di alcuni politici.
  • Mettiamo un freno alle chiacchiere. Una nazione non avanza con “twitter”. Meno chiacchiere e più fare.
  • Diamo valore alla trasversalità, un’altra risorsa chiave.
  • Accetta che “allargare la base” è un alibi per immobilizzarci. Se Lenin si fosse aspettato di espandere la base del suo piccolo partito, la rivoluzione russa non si sarebbe mai verificata e il mondo di oggi sarebbe probabilmente molto diverso.
  • E ultimo, ma più importante, diamo priorità all’“asse nazionale”. Quando saremo indipendenti, sarà il popolo a scegliere le proposte politiche che verranno presentate. Siamo stanchi di vedere alcuni che si vantano della loro superiorità morale e la utilizzano come alibi per non impegnarsi.

È la nostra grande opportunità se sappiamo approfittarne. Non siamo mai andati così lontano. Non ripetiamo gli errori del passato. Ricordiamo, ora sì, le parole d’acciaio del grande Joan Sales:

“Per cinquecento anni i catalani siamo stati idioti. Si tratta allora di smettere di essere catalano? No, si tratta di smettere di essere idioti”.

https://www.alfdurancorner.com/articulos/politicamente-incorrecto-2.html

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su