La Catalogna “apre” il nuovo parlamento europeo

controinformazione.org    2.luglio.2019

 

La questione catalana diventa questione europea. Non nel senso repressivo dato dallo stato spagnolo, né in quello pilatesco dell’Unione Europea, ma in quelli ben più probanti della mobilitazione popolare e della solidarietà internazionale.

Due notizie in contemporanea, nelle ore che precedono l’apertura del nuovo Parlamento europeo a Strasburgo. La prima è che migliaia di cittadini catalani stanno raggiungendo la città francese per protestare contro l’impossibilità di tre dei neoparlamentari europei eletti – Oriol Junqueras, Carles Puigdemont e Toni Comin – di svolgere l’attività per cui sono stati scelti.

Il primo è infatti in carcere (caso unico di prigionieri politici detenuti per normale attività democratica e istituzionale), mentre sugli altri due terzo pende un ordina di cattura internazionale emesso da Madrid cui il Belgio non ha dato esecuzione. Mentre la Francia dell’ultrà liberista Macron potrebbe farlo.

La seconda è che il Sinn Fein, storico partito dell’indipendenza irlandese, appoggia la protesta e porta il problema dentro l’Assemblea, rompendo il monolitico silenzio di tutti partiti presenti a Starasburgo, sia di destra che centristi, sia presuntamente “sovranisti” che austeramente “europeisti”. Tutti egualmente contro i popoli di tutta Europa.

A seguire tre articoli da Les enfants terribles, ortale dedicato ai movimenti indipendentisti d’Europa.

*****

2 luglio a Strasburgo: morsa della Guardia Civil sugli attivisti in viaggio

Daniel Losada Seoane

Le migliaia di indipendentisti catalani diretti alla manifestazione di Strasburgo del 2 luglio, a cui anche moltissimi baschi si stanno unendo in queste ore, stanno affrontando pesanti controlli di frontiera – non per entrare in un altro paese, ma per lasciare il proprio. Questa è stata la situazione di domenica quando gli attivisti hanno iniziato i loro lunghi viaggi alla manifestazione di martedì, al di fuori del Parlamento europeo, per protestare contro il veto sugli europarlamentari eletti Oriol Junqueras, Carles Puigdemont e Toni Comín. Molti di quelli che stanno viaggiando si sono lamentati di essere stati perquisiti e trattati brutalmente dalla polizia spagnola che pattugliava il confine con la Francia a La Jonquera. Quando i poliziotti hanno visto le bandiere dell’estelada catalana a favore dell’indipendenza, hanno sbattuto gli occupanti dei veicoli “contro il muro come criminali”, hanno cercato e svuotato i veicoli, ispezionando anche gli animali domestici che alcuni di loro hanno portato con sé.

Intanto, il presidente del PP, Pablo Casado, ha chiesto oggi al governo spagnolo di prendere provvedimenti affinché l’ex presidente della Generalitat Carles Puigdemont venga arrestato ed estradato se appare a Strasburgo (Francia) per la costituzione del nuovo Parlamento europeo.

“Abbiamo sentito che il sig. Puigdemont dice che parteciperà all’assemblea costituente del Parlamento europeo a Strasburgo. Quello che voglio è dire al governo di Spagna di prendere tutte le misure necessarie in modo che, non appena calpestano il suolo francese, procedano all’arresto e all’estradizione “, ha detto Casado parlando alla stampa.

Casado, che ha partecipato a una riunione dei leader del Partito popolare europeo prima di un vertice Ue a Bruxelles, ha detto che Puigdemont è “un criminale che è latitante e ricercato dal più alto organo giudiziario in Spagna”.

Il Presidente del Partido Popular di  España ha poi ammonito che: “Strasburgo è la Francia” e che in quel paese “non funzionerebbe come è successo sia in Belgio che in Germania”, riferendosi al mandato d’arresto europeo emesso dalla giustizia spagnola contro Puigdemont, che è stata ritirato nel caso del primo paese e negato nel secondo. “Se si mantiene questa minaccia di andare al Parlamento europeo deve essere fermato e subito estradato per sedersi con il suo compagno di governo davanti alla Corte Suprema”, ha sottolineato Casado.

Martedì 2 luglio, si costituisce a Strasburgo (Francia) il Parlamento europeo dopo le elezioni del 26 maggio, ma la Corte Suprema ha confermato che rimangono vacanti i seggi di Puigdemont,  di Toni Comin, anch’egli fuggito in Belgio e dell’ex vice presidente della Generalitat catalana, Oriol Junqueras – ora in carcere preventivo.

Migliaia di catalani convergono a Strasburgo

Carles Puigdemont ha dichiarato che non confermerà la sua presenza  fino all’ultimo momento, data la possibilità che la Spagna emetta un nuovo mandato di cattura europeo per lui, e su cui le autorità francesi potrebbero agire

Daniel Losada Seoane

Migliaia di catalani sono in movimento: alcuni sono già in viaggio, altri stanno facendo i bagagli. Da ieri a martedì, più di seimila stanno prendendo auto, pullman e treni per la città di Strasburgo, a circa mille chilometri a nord della Catalogna. Lo fanno per partecipare alla manifestazione contro il veto sugli eletti deputati, Oriol Junqueras, Carles Puigdemont e Toni Comin, e per dare visibilità al conflitto catalano e alla repressione che viene applicata. L’obiettivo, in breve, è quello di rendere la voce del movimento udibile dai media internazionali  durante la sessione plenaria costituzionale del Parlamento europeo, prevista per martedì 2 luglio, e dove, salvo modifiche dell’ultimo minuto, nessuno dei tre rappresentanti eletti sarà presente, essendo stato escluso dalla Commissione elettorale spagnola, nonostante abbia ottenuto oltre 2 milioni di voti nelle elezioni europee del 26 maggio.

Secondo il ‘Consiglio della Repubblica’, una sorta di governo ombra in esilio che ha organizzato la manifestazione, circa 80 pullman e due voli charter sono stati confermati mentre stavano compiendo il viaggio, trasportando circa 6.000 persone. Alcuni degli autobus sono già partiti questa domenica per la Francia, mentre altri lo faranno oggi. Ma tutti quelli a bordo, insieme a quelli che stanno volando e quelli che stanno facendo a modo loro, convergeranno insieme fuori dal palazzo del Parlamento europeo nella capitale dell’Alsazia martedì.

Il concentramento inizia martedì mattina alle 9:00 – l’ora in cui arriveranno gli eurodeputati – i manifestanti sono chiamati ad incontrarsi al Pont Josep Bech (ponte) dove incrocia Rue Lucien Febvre, proprio di fronte al palazzo del Parlamento Europeo . Tuttavia, l’evento centrale non si svolgerà fino alle 12, quando verranno pronunciati i discorsi principali e verrà letto il manifesto “Let’s Fill Strasbourg”, firmato da 30.000 persone finora.

Il testo afferma che Junqueras, Puigdemont e Comín hanno rappresentato più di 1,7 milioni di voti in Catalogna – quasi 2,3 milioni in tutto lo stato spagnolo – e avverte che “la Spagna sta contagiando l’Unione europea con la sua soluzione repressiva alla pacifica, civile richiesta democratica dei catalani “. Detto questo, il manifesto chiede alle istituzioni dell’UE “di prendere l’iniziativa di promuovere e mediare nel dialogo e negoziazione tra la Catalogna e la Spagna sul diritto all’autodeterminazione”.

Al termine della manifestazione, i principali firmatari del manifesto, che sono anche supportati da oltre trenta diverse piattaforme e organizzazioni, lo presenteranno al registro del parlamento insieme a una lettera indirizzata al presidente del parlamento dell’UE.

La commissione elettorale centrale della Spagna ha deciso di lasciare i seggi dei tre deputati vacanti, dal momento che i tre politici non hanno intenzione di raccogliere i loro documenti formali e giurare fedeltà alla Costituzione spagnola. Junqueras, invece, gia’ in carcere, non ha potuto essere presente perché la Corte Suprema gli ha negato il permesso, anche se gli aveva concesso esattamente lo stesso diritto di effettuare la stessa formalità rispetto alla sua precedente elezione come  deputato spagnolo dopo le elezioni generali del 28 aprile . Nel caso degli esiliati Puigdemont e Comín, sono stati negate le possibilità di poter effettuare il giuramento e la raccolta dei documenti ovunque tranne che in territorio spagnolo, dove li aspetta un mandato di arresto.

Tuttavia, gli avvocati di tutti e tre i politici hanno annunciato l’intenzione di portare il caso alla Corte di giustizia dell’Unione europea in Lussemburgo.

La manifestazione, oltre a denunciare il veto della commissione elettorale spagnola, chiede per i tre deputati indipendentisti  di poter esercitare i loro ruoli come MEP, ma più ampiamente ha anche lo scopo di sensibilizzare l’opinione internazionale del conflitto catalano. A questo proposito, la protesta esprime anche la domanda per la Spagna di allinearsi alla risoluzione emessa lo scorso maggio dal gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria, giungendo alla conclusione che tre dei leader catalani in carcere (Jordi Cuixart, Jordi Sànchez e Oriol Junqueras) sono detenuti per motivi politici e dovrebbero quindi essere rilasciati immediatamente.

All’evento di Strasburgo parteciperanno il presidente catalano Quim Torra e alcuni ministri del suo governo, tra cui il ministro degli esteri Alfred Bosch. Ci saranno altri rappresentanti di partiti politici e organizzazioni indipendentiste. Carles Puigdemont ha dichiarato che non confermerà la sua presenza  fino all’ultimo momento, data la possibilità che la Spagna emetta un nuovo mandato di cattura europeo per lui, e su cui le autorità francesi potrebbero agire.

La manifestazione di domani sarà la terza grande manifestazione che il movimento indipendentista ha tenuto fuori il territorio della Catalunya, dopo la protesta a Bruxelles nel dicembre 2017 e la manifestazione a Madrid nel marzo di quest’anno.

*****

iL Sinn Féin entra nella mischia per la Catalogna

Pauline Léon

 

un murales di solidarietà in Belfast

In vista della prima seduta del nuovo Parlamento europeo, il portavoce degli affari esteri Seán Crowe dello Sinn Féin, ha invitato il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, a garantire che i diritti politici dei deputati catalani siano tutelati.

I commenti del TD di Dublino Sud-Ovest arrivano dopo gli ultimi tentativi del governo spagnolo di violare i diritti dei deputati catalani e ignorare il mandato democratico ricevuto da oltre due milioni di cittadini dell’UE.

Il vice Seán Crowe ha detto:

“L’ex presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, l’ex vicepresidente Oriol Junqueras e l’ex ministro della sanità Antoni Comin, sono stati eletti democraticamente come membri del Parlamento europeo dagli elettori catalani il 26 maggio 2019.

Carles Puigdemont e Antoni Comín vivono attualmente in esilio forzato in Belgio, mentre Oriol Junqueras è attualmente detenuto a Madrid per accuse motivate di natura politica. Sono stati processati dal governo spagnolo per il loro presunto coinvolgimento nell’organizzazione di un referendum democratico sull’indipendenza catalana, che sono stati loro affidati dagli elettori catalani.

Il mese scorso, il tribunale spagnolo ha respinto la petizione di Oriol Junqueras per lasciare il carcere e iniziare il processo di adempiere al suo mandato democratico e diventare deputato. Nonostante sia stato condannato per un crimine di matrice politica, rimane in carcere durante la detenzione preventiva da oltre 600 giorni e non potrà partecipare alla prima sessione del nuovo Parlamento europeo domani, 2 luglio.

Carles Puigdemont e Antoni Comín sono ostraizzati dall’adempimento dei loro mandati democratici e dalla partecipazione alla prima seduta di domani. Il governo spagnolo sta chiedendo alla Francia l’arresto e l’estradizione in Spagna. Il mese scorso aveva chiesto il giuramento di fedeltà alla costituzione nel parlamento spagnolo. Tuttavia, se ritornano in Spagna, saranno imprigionati con accuse simili politicamente motivate.

L’ultimo tentativo del governo spagnolo di vietare a questi deputati di prendere posto è una chiara violazione dei loro diritti politici e un disprezzo per gli oltre due milioni di cittadini dell’UE che hanno votato per loro.

Esiste la possibilità che il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, bloccherà l’ingresso di Carles Puigdemont e Antoni Comín al Parlamento su richiesta delle autorità spagnole. Ciò sarebbe senza precedenti, sbagliato e completamente antidemocratico.

Chiedo al Presidente del Parlamento europeo di garantire che i diritti politici di questi tre deputati siano salvaguardati e di garantire che possano partecipare pienamente alla seduta inaugurale di domani.”

http://contropiano.org/news/internazionale-news/2019/07/01/la-catalogna-apre-il-nuobo-parlamento-europeo-0116935

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su